Segreteria di Stato della migrazione SEM

fide | Italiano in Svizzera – imparare, insegnare, valutare

Cos'è fide?

Promuovere l’integrazione dei migranti è un obiettivo a livello politico e sociale. In questo senso la padronanza di una lingua nazionale gioca un ruolo fondamentale. Nell’agosto 2007, il Consiglio Federale ha quindi incaricato l’Ufficio federale della migrazione (UFM) di sviluppare un progetto quadro per l’integrazione linguistica dei migranti.

Il progetto quadro permette, da un canto, di migliorare la qualità dei corsi di lingua e, dall’altro, di definire strumenti atti a documentare le competenze comunicative degli apprendenti. Descrive, inoltre, gli ambiti della vita sociale in cui i migranti vogliono o devono agire e definisce un quadro di riferimento per gli obiettivi e i contenuti dei corsi di lingua.

E’ con questo intento che nel 2009 l’Istituto di Plurilinguismo di Friburgo ha elaborato un Curriculum di riferimento per la promozione delle competenze linguistiche dei migranti. Il progetto, commissionato dall’UFM, è stato sviluppato in collaborazione con numerosi esperti dell’insegnamento linguistico di istituti pubblici e privati in Svizzera. Il curriculum di riferimento è servito come base per elaborare diversi progetti di sviluppo. Contemporaneamente, vengono messi a punto anche altri prodotti.

Il progetto esiste in tre lingue nazionali svizzere – in italiano con il titolo «fide | Italiano in Svizzera – imparare, insegnare, valutare». E’ inteso quale contributo a una riflessione sulla pratica seguita nelle strutture esistenti e quale ausilio per gli attori che operano ai vari livelli. Un quadro di riferimento concettuale sostiene l’attuazione pratica di misure di promozione linguistica. In generale, aumenta la trasparenza, migliora la coerenza e garantisce la qualità dell’offerta. Si rifà ai metodi della formazione degli adulti per l’insegnamento di una lingua seconda e si orienta al Quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER). Il sistema fide integra modelli di best practice e le conoscenze attuali sull’acquisizione di una lingua. Le sue particolarità più spiccate sono l’orientamento costante ai bisogni dei partecipanti e il legame stretto alla vita quotidiana in Svizzera che si manifesta nell’approccio basato su scenari.

Con fide l’insegnamento delle lingue seconde in Svizzera riceve un quadro concettuale di riferimento che offre orientamento a discenti e a formatrici e formatori. Per sostenere l’attuazione dell’insegnamento secondo i principi di fide, sul sito web sono a disposizione numerosi documenti, risorse e materiali didattici esemplari. Si è per contro rinunciato allo sviluppo di curricula o materiali didattici standardizzati – l’insegnamento basato su scenari secondo i principi di fide si orienta sempre ai bisogni e ai potenziali dei singoli gruppi, e quindi ogni attuazione didattica di uno scenario è unica.

Italiano in Svizzera –
imparare, insegnare, valutare

Informazioni aggiuntive

Flyer

fideIT01_Flyer

Ampie informazioni su fide e sullo stato attuale di implementazione.

Opuscolo

fideIT01_OpuscoloInformativo

Scaricare